25-28/06/2020 – Trekking delle Marmarole – Dolomiti UNESCO con l’Accompagnatore di Media Montagna Luca Colla

Quota individuale di partecipazione: 390 Euro

La Quota comprende: trattamento di mezza pensione in rifugi alpini (colazione e cena, letto in camerata), guida di un Accompagnatore di Media Montagna, assicurazione.

La Quota non comprende: pranzi al sacco (da acquistare nei rifugi) e quanto non espressamente indicato nella quota comprende.

Durante il trekking verranno utilizzate tutte le protezioni previste dalla normativa per il contenimento e la prevenzione dal Covid-19.

Organizzazione Tecnica a cura di Alpinia Itinera di Santa Giustina

Descrizione

Trekking delle Marmarole – Dolomiti UNESCO con l’Accompagnatore di Media Montagna Luca Colla
(Il Selvaggio e antico splendore delle Marmarole)

Periodo: dal 25 al 28 Giugno 2020

Partecipanti: Minimo 6 – Massimo 8

Premessa: è un viaggio che racchiude itinerari in un contesto tra i più selvaggi del Cadore, costellato da piccoli e accoglienti rifugi poco frequentati. Le caratteristiche del paesaggio si differenziano per alcune formazioni boschive tra le più ricche di varietà delle Dolomiti. L’alta variabilità e le molte varietà di habitat consentono una elevata biodiversità. Alle Marmarole resta una vocazione faunistica eccezionale soprattutto per i tetraonidi, i rapaci e i grandi mammiferi.
È un trekking ad anello di quattro giorni complessivi, adatto per chi ama zone poco frequentate e rifugi poco affollati nel cuore delle Dolomiti Cadorine. È richiesta una buona preparazione fisica: gli itinerari non sono particolarmente faticosi e il loro dislivello giornaliero varia dai 700 e i 900 mt., mentre il tempo di percorrenza giornaliera varia tra le 4 e le 6 ore. La pausa pranzo avviene sempre al sacco.
Per ogni tappa sono previste delle brevi soste (es. da 3 a 6) che includono il pranzo al sacco. Le soste sono importanti non solo per osservare e acquisire informazioni sul territorio, ma sono pure utili per rifiatare e godersi uno snack! La guida (Accompagnatore di Media Montagna) avrà un occhio di attenzione in più per questo aspetto e per ogni componente del gruppo.
Il numero delle soste è puramente indicativo ed è soggetto a variare per condizioni avverse o per altre esigenze.
Abbigliamento e calzature: è richiesto abbigliamento adatto alla stagione, lo zaino da 50/60 lt. è più che sufficiente, si porta solo quello più indispensabile, troppo peso alla lunga costa più fatica. Vivere in armonia con la montagna vuol dire anche sapersi adattare con poco e dimenticarsi dalle comodità di tutti i giorni. La giacca da pioggia, il maglione in pile, il corredo da pioggia, guanti, berretto, borraccia ecc… Per le calzature, si raccomandano scarponi con suola in Vibram o simili con suola a scanalature profonde. Non sono ammesse le scarpe basse di qualsiasi tipo.
N.B. Per qualsiasi informazioni contattare per la mail o per telefono la guida (A.M.M.). Possono partecipare solo persone fisicamente in salute, in ogni caso la guida è sempre a disposizione per eventuali chiarimenti.

Luogo di partenza: Parcheggio della seggiovia del M. Agudo, Auronzo di Cadore (BL)

Luogo di arrivo: Loc. Palus San Marco in Val D’Ansiei (BL)
Giorni di percorrenza: 4

Lunghezza del percorso: km. 44 c.

Dislivello positivo totale: 2652 mt.

Dislivello negativo totale: 2397 mt.

Quota massima raggiunta: Forcella Grande – 2255 mt.

Gruppo dolomitico incluso nel sistema 5: Gruppo delle Marmarole

Area geografica: Auronzo; Val d’Oten; Gruppo delle Marmarole; San Vito di Cadore; Val d’Ansiei.

Punti d’appoggio: Alberghi e B&B ad Auronzo; Rif. Monte Agudo; Rif. Ciareido; Rif. Baion; Rif. Chiggiato; Rif. Capanna Alpini; Rif. Galassi; Rif. San Marco

Sintesi degli itinerari:

1° Giorno: dal parcheggio della seggiovia del M. Agudo (870 mt) al Rif. Baion (1828 mt.) – Auronzo di Cadore (BL). Ritrovo in Loc. Taiarezze presso il parcheggio della seggiovia del M. Agudo alle ore 10 (la possibilità di utilizzare la seggiovia è facoltativa). Presentazioni e verifica dello zaino. Arrivati al Rif. Agudo si procede per il Rif. Ciareido situato sull’altipiano del Pian de Buoi: da qui si ha una splendida vista sulle Dolomiti dell’Oltre Piave e del Centro Cadore. C’è un certo dislivello che ci porta in quota, facile è il percorso tra stradine forestali e sentieri con scorci di panorama sul Lago di Auronzo e il Gruppo di Sesto
Disl. positivo: 1130 mt. – Disl. negativo: 155 mt.
Sviluppo: km. 9 c.
Tempo di percorrenza: ore 5.30/ 6
Difficoltà: T – E (Turistica e Media)

2° Giorno: dal Rif. Baion al Rif. Capanna degli Alpini (1395 mt.) passando per il Rif. Chiggiato. Nella prima parte del percorso ci troviamo sulle verdeggianti praterie ai piedi della Cima Froppa, la cima più alta dell’intero gruppo. Percorriamo la Val d’Oten, splendida valle fluvioglaciale che separa il massiccio dell’Antelao dalla lunga catena delle Marmarole fino alla fine. Di pregevole interesse è la cascata della Pila nei dintorni.
Disl. positivo: 370 mt. – Disl. negativo: 840 mt.
Sviluppo: km. 12 c.
Tempo di percorrenza: ore 4.30
Difficoltà: E (Media)

3° Giorno: dal Rif. Capanna degli Alpini al Rif. San Marco (1823 mt.) passando per il Rif. Galassi.
Si tratta di una tappa breve ma non meno ricca di propositi: suggestiva è la traversata in mezzacosta sotto la mole dell’Antelao il “Re” delle Dolomiti, fino al “Col de chi da Os” dove è ubicato il Rif. San Marco, splendido belvedere sulla Val Boite e su tutto il comprensorio ampezzano.
Disl. positivo: 365 mt. Disl. negativo: 840 mt.
Sviluppo: km. 12
Tempo di percorrenza: ore 3
Difficoltà: E (Media)

4° Giorno: dal Rif. San Marco alla Loc. Palus San Marco (1110 mt.) sulla SR 48 (Auronzo di Cadore). Lasciato alle spalle il piccolo e caldo rifugio San Marco iniziamo a salire verso la forcella Piccola e subito dopo a Forc. Grande tocchiamo la quota 2255 mt. s.l.m., il punto più alto raggiunto. Da qui ci godiamo la profondità della Val De San Vido, i contrafforti del Sorapis e alla nostra destra la Torre Sabbioni Tutto questo si traduce in uno scenario tra i più spettacolari delle Dolomiti. Una nota a parte merita la Torre Sabbioni, una cima che ha avuto un ruolo importante nella storia delle Dolomiti. Sotto la Val d’Ansiei con la foresta di Somadida (Riserva Nat. Orientata di Somadida) è l’ultimo gioiello che le Marmarole ci riservano, una distesa a perdita d’occhio di abeti rossi, abeti bianchi e faggi, una foresta che mostra i segni del passaggio della tempesta Vaia, ma che ancora oggi lascia a bocca aperta per come la natura sa rigenerarsi e lentamente riprendersi il suo antico splendore! L’arrivo in Loc. Palù San Marco è previsto per il primo pomeriggio.
Disl. positivo: 432 mt. Disl. negativo: 1142 mt.
Sviluppo: km. 11
Tempo di percorrenza: ore 4
Difficoltà: E (Media)

Quota individuale di partecipazione: 390 Euro

La Quota comprende: trattamento di mezza pensione in rifugi alpini (colazione e cena, letto in camerata), guida di un Accompagnatore di Media Montagna, assicurazione.

La Quota non comprende: pranzi al sacco (da acquistare nei rifugi) e quanto non espressamente indicato nella quota comprende.

Durante il trekking verranno utilizzate tutte le protezioni previste dalla normativa per il contenimento e la prevenzione dal Covid-19.

Organizzazione Tecnica a cura di Alpinia Itinera di Santa Giustina

* Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003 ( Privacy policy )