22-25/08/2018 – Trekking ai piedi del Civetta e della Moiazza

Trekking ai piedi del Civetta e della Moiazza (22-25 agosto 2018) Presentazione: L’itinerario che viene proposto si sviluppa in un ambiente ricco di storia alpinistica e di grande impatto naturalistico e geomorfologico. L’intero gruppo del Civetta è lungo 7 km. Il lato NO è famoso per la “parete delle pareti” lunga ben 4 km e un dislivello di circa 1000 m. Le imponenti pareti rocciose sono circondate alla base da falde detritiche che offrono stupende fioriture. Fu definita dai primi abitanti delle valli la città “turrita e merlata”. Le Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO sono una ricchezza ancora del tutto da scoprire.
Area geografica: interessa il Gruppo del Civetta e Moiazza nel Sistema 3 Dolomiti Unesco.
Tipologia: Trekking ad anello di quattro giorni e tre notti di grande interesse naturalistico, geologico, per la storia alpinistica, flora, fauna e archeologia. È adatto a persone allenate che necessitano in qualche frangente di passo sicuro e assenza di vertigini: gli itinerari sono lunghi e qualcuno anche faticoso, ma non presentono difficoltà tecniche. L’ultima parte del percorso è quella più selvaggia e più emozionante, dove c’è sempre la possibilità di avvistare qualche specie animale.
Difficoltà: E- EE-medio impegnativo al giorno le ore di cammino sono in media 5/6 (escluse le soste), il dislivello intorno ai 700 m.
Punti di appoggio: Rifugio Vazzoler, Rifugio Bruto Carestiato, Rifugio Sonino Coldai.

Categoria:

Descrizione

Trekking ai piedi del Civetta e della Moiazza (22-25 agosto 2018)
Presentazione: L’itinerario che viene proposto si sviluppa in un ambiente ricco di storia alpinistica e di grande impatto naturalistico e geomorfologico. L’intero gruppo del Civetta è lungo 7 km. Il lato NO è famoso per la “parete delle pareti” lunga ben 4 km e un dislivello di circa 1000 m. Le imponenti pareti rocciose sono circondate alla base da falde detritiche che offrono stupende fioriture. Fu definita dai primi abitanti delle valli la città “turrita e merlata”. Le Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO sono una ricchezza ancora del tutto da scoprire.
Area geografica: interessa il Gruppo del Civetta e Moiazza nel Sistema 3 Dolomiti Unesco.
Tipologia: Trekking ad anello di quattro giorni e tre notti di grande interesse naturalistico, geologico, per la storia alpinistica, flora, fauna e archeologia. È adatto a persone allenate che necessitano in qualche frangente di passo sicuro e assenza di vertigini: gli itinerari sono lunghi e qualcuno anche faticoso, ma non presentono difficoltà tecniche. L’ultima parte del percorso è quella più selvaggia e più emozionante, dove c’è sempre la possibilità di avvistare qualche specie animale.
Difficoltà: E- EE-medio impegnativo al giorno le ore di cammino sono in media 5/6 (escluse le soste), il dislivello intorno ai 700 m.
Punti di appoggio: Rifugio Vazzoler, Rifugio Bruto Carestiato, Rifugio Sonino Coldai.

PROGRAMMA
1° giorno – 
Ritrovo al parcheggio del Rif. Palafavera (1507 m), si passa per il Rif. Coldai (2191 m), il Lago Coldai (2143 m). Al Rif. Tissi pranzo facoltativo, si percorrono la Val Civetta, il Pian de la Lora, la Sella di Pelsa arrivando al Rif. Vazzoler (1714 m) dove si pernotta. Sono previste 5 soste (escluso il pranzo al sacco o in rifugio) per uno sviluppo di 13 km.

2° giorno – Partenza dal Rif. Vazzoler in direzione del Gruppo del Moiazza, salita facoltativa sul Lastia di Framont (2294 m), arrivo al Rif. Carestiato (1834) dove si pernotta. Sono previste 4 soste (escluso il pranzo al sacco) per uno sviluppo di 8 km.

3° giorno – Partenza dal Rif. Carestiato: l’escursione è lunga e la più faticosa dell’intero anello, ma la più appagante e ci porterà a scoprire uno degli angoli più selvaggi del gruppo. Molti spunti paesaggistici non mancheranno lungo il percorso per le peculiarità dei luoghi. Durante il percorso c’è la possibilità di ristoro presso malghe e baite, prima dell’ultimo balzo che ci porta al Rif. Coldai (2191 m) dove si pernotta. Sono previste 5/6 soste (esclusa la pausa pranzo in malga o baita) per uno sviluppo di 15 km.

4° giorno – Partenza dal Rif. Coldai, si toccano il Passo Coldai, Rù de Porta (nel caso di pioggia il giorno precedente verrà effettuato un percorso alternativo), i Piani di Pezzè (con possibilità di prendere la cabinovia) e arrivo a Palafavera. Sono previste 4/5 soste più il pranzo al sacco. In caso di maltempo l’escursione viene abbreviata. Lo sviluppo è di 8 km.

Partecipanti: min. 10 – max. 15
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:
328 €
ISCRIZIONI ENTRO IL 15 LUGLIO ai seguenti contatti:
Alpinia Itinera di Luca De Bortoli – Via Casabellata n. 20 – 32035 Santa Giustina (BL)
E-mail
info@alpinia.eu – Tel 0437859310 – Cell. 3404665088

LA QUOTA COMPRENDE: accompagnatore di Media Montagna del Collegio Guide Alpine del Veneto per l’intera durata del trekking, trattamento di mezza pensione nei rifugi indicati, organizzazione, assicurazione RC ed infortuni e spese guida.

LA QUOTA NON COMPRENDE: extra, le bevande, i pranzi a mezzogiorno, eventuali trasferimenti ad inizio e fine trekking.

Organizzazione tecnica a cura di Alpinia Itinera di Luca De Bortoli.

Il numero delle soste può variare per condizioni meteo avverse o per altre esigenze con giudizio insindacabile dell’accompagnatore. Le soste sono importanti non solo per osservare e acquisire informazioni sul paesaggio, ma anche per la propria sicurezza.

* Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003 ( Privacy policy )